Migrazione

Poniamo di aver acquistato un iMac (non l’ultimissimo, quello uscito ieri, ma il modello immediatamente precedente) per il nonno.

Poniamo di accenderlo: all’accensione, una schermata chiede: «Che c’hai della roba su un altro Mac che vorresti qui?»

Guardando l’iMac rosa lì accanto, risalente al 2000, pensiamo «e certo!» e clicchiamo su “Sì”.

Beffardo, quello nuovo ci dice: «Va bene: attaccami all’altro con il cavo firewire, e riavvialo tenendo premuto “T”».

Ipnotizzati, eseguiamo… ci vorranno circa venti minuti, dice.

Passati i venti minuti, ci chiede di scollegare il cavo firewire. Alla schermata di login, accediamo al sistema con le solite credenziali – come password, rigorosamente, la data di nascita – e ci ritroviamo di fronte al wallpaper che c’era sull’altro computer.

Beh, nulla di difficile.

Ed i documenti sono tutti al loro posto.

Che ci vuole, in fondo.

Anche la posta e le impostazioni di sistema, quindi siamo già in rete.

Beh, nulla di troppo complicato.

Anche tutte le applicazioni sono lì al loro posto, ed i collegamenti occhieggiano dal dock. Ne apriamo un paio: funzionano. Anche se alcune sono state compilate per un processore PowerPC, mentre adesso stanno girando felici su un Intel Core 2 Duo.

Mentre ce ne andiamo, ripensiamo ai brividi freddi che ci tormentano quando un amico compra un nuovo pc e ci chiede di trasportare i suoi dati. La mente corre a smontaggi e rimontaggi di hard disk, a cercare di trasferirli via rete ma no, non si può fare perché il vecchio pc non aveva una scheda di rete, o ce l’aveva troppo lenta, oppure quei cavi usb che esportano usb-storage da entrambe le parti ma no, perché sul vecchio c’era solo una usb 1.1. E quando il problema del collegamento fisico dei due computer viene in qualche modo risolto, siamo nelle mani di “Trasferimento guidato file ed impostazioni”, un programmino scritto in fretta, con il nome più lungo di quello che fa.
Anche se saremo riusciti a trasferire i dati, l’amico ci informerà che lui usava sempre “FlipperSheet”, un bellissimo foglio di calcolo con flipper treddì integrato che aveva sul pc vecchio, e lo vorrebbe anche sul nuovo. Alla richiesta del cd di installazione ci ride in faccia, ed iniziamo a trasferire a mano file, chiavi di registro e dll, nella speranza che vada… speranza vana, dopo mezz’ora di ricerche in rete scopriamo che non gira con XP.

Per fortuna gli amici che usano Linux non ci chiamano per migrare i loro dati… ma se chiamassero, una copia bruta della home basterebbe. Se servisse avere subito tutti i programmi già installati, probabilmente una copia dell’intero hard disk farebbe il suo lavoro – metodo crudo, ma efficace per riavere il sistema esattamente com’era. Anche se occorrerebbe aggiornare almeno il bootloader ed eventualmente il kernel… ma ci siamo capiti. Più plausibile che l’incubo Windowsiano, ma comunque distante dal “collega il cavo, riavvia premendo T ed aspetta”.

Uso principalmente un PC compatibile per un sacco di motivi; credo che di strada da fare, per avvicinarci all’immediatezza di casa Apple, ce ne sia ancora parecchia. E non basta scopiazzare gli effetti grafici: la differenza sta in piccolezze come questa della migrazione. Nel poter creare un array RAID trascinando le icone degli hard disk, nell’avviare apache e samba con una spunta, nell’avere la cartella home crittografata in modo trasparente con un paio di clic.

Linux “prende spunto” ed in qualche caso migliora. No, Compiz Fusion non ha più stile di Aqua, per ora è solo un’accozzaglia di effetti grafici carini e qualche volta utili. Un’accozzaglia che uso ed aspettavo da parecchi anni, ma è un altro discorso.

Windows si fa gli affari suoi, e quando scopiazza dimostra di non aver capito ciò che sta copiando. In qualche modo, però, evolve anche lui e sono curioso di vedere che piega prenderà negli anni a venire.

4 pensieri su “Migrazione

  1. KaosMaster

    Direi che è una questione di vocazione…

    Prendiamo il medioevo tolti i nobili e il clero vi erano cittadini liberi e servi della gleba. Sostanzialmente vivevano allo stesso modo, sputavano sangue 18 ore al giorno per soppravvivere, i servi della gleba avevano un “vantaggio” se vi era qualche problema si rifugiavano nel castello, ma in cambio dovevano sputare sangue per 6 ore al giorno per il signore del castello e solo 12 per loro stessi. Il cittadino libero era nei casini se succedeva qualcosa, ma sputava sangue 18 ore al giorno solo per se stesso e soprattutto era libero di sputare sangue come meglio credeva.
    Con il tempo i cittadini liberi hanno iniziato ad organizzarsi e le cose hanno iniziato a migliorare, tanto che alla fine nessuno voleva piu essere servo della gleba :-)

    Certo è comodo vivere all’ombra del castello della mela, ma la mela si aspetta qualcosa in cambio, che poi il castello sembri un parco giochi è solo marketing. Essere un “libero cittadino” del pc significa anche poter prendere hd e sw come e dove meglio si crede pagandolo, se si vuole, il meno possibile che si riesce a pagare.

    In ogni caso sarebbe interessante confrontare i dati nel tempo, ho cambiato pc un hanno fa, ho trasbordato, da una macchina di 4-5 anni piu vecchia, i dati personali e i programmi (che usavo veramente) in qualche ora, sempre lontano dai 20 minuti del Mac ma molto meno del precendente trasloco da macchina a macchina (e allora avevo una mole di dati molto inferiore).
    Ovviamente il giorno dopo ero sempre un libero cittadino e non dovevo preoccuparmi di pagare dazio al signor Lavori (per me):-)

  2. oracolo Autore articolo

    Beh, è vero: il prezzo da pagare per la comodità di Stefano Lavori è la chiusura.

    Però quel simpaticone ha il grande pregio di mostrare la strada: anni e anni di utilizzo di altri sistemi operativi che iniziano con la W possono indurci a pensare che le cose debbano essere così per forza e che migrare dati e programmi da un computer all’altro debba essere un lavoro che richiede ore.

    Invece iMac e parenti ci ricordano che non c’è nulla di scritto nella pietra, che le stesse cose si possono fare in modo più semplice ed in meno tempo, e – nel caso di Linux, su Windows abbiamo ben poco controllo – che si può prendere spunto nel design per avvicinarci al mito del pc elettrodomestico, davvero semplice da usare per tutti.

    Io non sono per un futuro chiuso, in cui tutti usiamo hardware e software di un unico produttore; però credo che la Apple sia indispensabile perché ha il coraggio di sperimentare. Non ho ancora scritto nulla sull’iPhone, ad esempio, ma credo che il merito principale (al di là delle specifiche tecniche) sarà quello di far vedere a Symbian, Windows Mobile eccetera che le cose si possono fare anche in un altro modo, magari più semplice, magari no.

    Ci sarà un invasione di cloni, ma poco per volta emergeranno novità ed il progresso andrà avanti. Insomma, ogni tanto ci vuole qualche scossone :-)

  3. KaosMaster

    Sicuramente sul discorso di facilità d’uso tutti hanno da imparare dalla filosofia del Mac, pero parte di questa facilità credo dipenda anche dal fatto che è un sistema chiuso, per certi versi la maggiore problematicità di un sistema aperto è ineliminabile, in quanto è uno degli elementi che lo rendono appunto un sistema aperto.
    D’accordo anche su linux, anch’io sono convinto che il mancato approccio “facilità d’uso per chiunque” rimane uno dei principali ostacoli alla diffusione del prodotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.