Logofilia

Ecco un miracolo: quando non avviene questo, un flusso continuo di vibrazioni, lettere, parole arriva al mio cervello e disegna una serie di immagini, suoni, emozioni.

Amo il linguaggio. Non lo so usare come vorrei: ascolto e leggo rapito chi, padrone, concentra in una sequenza monodimensionale interi universi.

La bellezza del meccanismo, come forse notava il mio amico (sempre che io abbia letto quel libro: dovrò chiedere alla mia memoria…) sta nel dilemma: cosa significa la chiave senza serratura? Cos’è il dna senza le condizioni favorevoli alla duplicazione? Il simbolo ha vita propria, o è chi lo interpreta che lo rende vivo?

2 pensieri su “Logofilia

  1. kwisatz

    Passavo di qui…
    …grazie del ringraziamento…
    …le tue parole toccano a volte molte corde insieme, come se fossero dita troppo larghe per le corde di uno strumento (anima? cervello?). E se le lettere/parole oltre a vederle in orizzontale uscissero anche dal foglio? Ovvero avessero un’ulteriore dimensione? (Flatlandia, di Abbott – edizioni Adelphi, mai letto?)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *