Hype

Mi diverto esageratamente a vedere Discovery Channel o leggere Focus mentre imbastiscono improbabili iperboli su tecnologia futura e futuribile.
Laddove la scienza diventa troppo complessa per essere compresa e assimilata comodamente seduti in poltrona, interviene un po’ di enfasi a tappare i buchi ed a rendere tutto più coool.
Purtroppo quando si va a toccare quei pochi campi in cui so qualcosa, la magia scompare e mi rendo conto di quanto sia desolante (ed a tratti pericolosa) la banalizzazione e l’identificazione di scienza e fantascienza.
Sto giocherellando, per l’eterna università, con Robocup. Mi sono ritrovato a dover spiegare a profani di che si tratta (“Una squadra di giocatori di calcio robotici che possano battere i campioni del mondo umani, entro il 2050” recita roboante il sito) e mi è stato fatto notare che dovrei smettere, perché quando i robot conquisteranno il mondo e ci soggiogheranno sarà anche colpa mia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *