Flashback – A

Disteso obliquamente sull’amato letto da una piazza e mezza, impreziosito dal copriletto estivo rosa e bianco, leggo e medito sulla serata.
Sto leggendo Amiga Format: mio padre lo compra a Genova. E’ in inglese, ed il fatto che io legga riviste in inglese è qualcosa di cui vantarsi.
Questo mese c’è la recensione di un software che permette di simulare il brush mapping con Sculpt Animate 4D (che notoriamente non supporta il brush mapping). Gli dai in pasto un IFF e lui te lo vettorializza e lo converte in un oggetto per Sculpt. Oddio, vettorializza è un parolone: diciamo che converte ciascun pixel in un quadrato, sparandoti fuori oggetti dalle dimensioni oscene.
Guardo rapito l’immagine a corredo dell’articolo: una cartolina semitrasparente riporta l’immagine di un mago, e proietta luce colorata su una sfera posta dietro di essa.
Io non sono ancora uscito dalla fase “Teiere e sfere riflettenti su pavimenti a scacchi” e forse non ne uscirò mai, nonostante le mie letture colte. Amiga Format, CU Amiga, Amiga Byte ed Amiga Magazine (con Transactor/action, la rubrica del programmatore), tutorial su Turbo Silver ed il suo successore, Imagine, allusioni alla Firecracker24 (una scheda grafica a 24 bit! Sedici milioni di colori sullo schermo tutti contemporaneamente!) ed al Video Toaster ed il favoloso LightWave.
Osservo ancora l’immagine del mago: sì, ma come me lo procuro, questo software? E se anche ce l’avessi, quanti giorni ci metterei a fare il rendering di un oggetto così complesso? Ammesso che basti il mega di memoria… quanto desidereri almeno un hard disk e quella roba per avere memoria virtuale!
Mentre questi pensieri mi turbinano in testa, vedo in tv qualcosa di strano: Star Trek? Ma la musica non è la solita, è quella del film… non ci sono manco Kirk e Spock. Ho capito, la nuova serie di cui parlavano.
Eccitato, mi metto a guardare.
In questo periodo nulla è strano: il mare alla mattina, la partenza per la Sicilia lontana (oddio, e come farò senza computer per tutto quel tempo?), per i compiti delle vacanze in qualche modo ci si arrangia. L’anno prossimo l’esame, e poi si va allo scientifico. Che non so manco cosa voglia dire, ma ha tutto un altro suono rispetto al classico, su. E magari si usano di più i computer, che dove sono io adesso il massimo sono quei c64 al terzo piano.

Sarò franco: penso proprio che diventerò un gran figo. No, non fisicamente, siamo seri. Ma qualcosa combinerò, sono sempre stato un genietto.

c’è gente che ogni volta che guarda indietro trova pretesti per farsi del male.

9 pensieri su “Flashback – A

  1. oracolo Autore articolo

    Naah, ne ho già letti a pacchi a suo tempo.
    Era un flashback risalente almeno ad una quindicina di anni fa :)
    (lo so che ci avrei fatto una figura migliore a far finta di essere un tredicenne :P)

  2. Mothmor

    Buh. Credi davvero che ora la situazione sia così pessima? A parte la laurea che tarda, il resto è tutto così deludente? Sarà che io, alla fine delle medie, avevo uno sfogo cutaneo dovuto allo stress, ero totalmente priva di autostima e mi sentivo la persona più inutile e sfigata sulla terra (un consiglio a tutti, prima di infilare i vostri figli in qualche scuola, fateci un giretto dentro e parlate con preside e insegnanti. Se evitate di infilarli in un lager con una preside nazista, i vostri figli vi ringrazieranno -___-) ma non è che rimpianga tanto quel periodo. Ci sono altri periodi che rimpiango, l’infanzia passata con gli amici più veri che abbia mai avuto, giornate al liceo in cui era tutta una risata… Ma non le rimpiango perché ora mi sento sfigata e allora invece ero troppo un capo (ero sfigata tale e quale a ora) ma perché ero felice, ero davvero serena. Sono i momenti goduti a pieno che rimpiango ora, che tutto va in malora. Ma voglio essere un po’ ottimista, va’, sono sicura che tra 15 anni avrò altri mille momnti belli da ricordare. O almeno, ci spero…

  3. j

    i termini di paragone temporali e il confronto dell’utilizzo del proprio tempo con quello fatto da altri è veramente banale.

  4. oracolo Autore articolo

    Ah, ma allora stai cercando di entrare nell’ottica del banale in vista delle orge, eh?
    E grazie per gli altri commenti. Cercherò di modificare il mio punto di vista…

  5. della

    È facile essere nostalgici, e vedere l’Età d’Oro a posteriori. I momenti brutti li rimuoviamo, quelli noiosi proprio non li ricordiamo. Sono sicuro che tra dieci anni vedrò i miei 25 anni come ora vedo i miei 15.

  6. oracolo Autore articolo

    In sostanza sarei vittima di un tradizionale errore percettivo, al pari delle illusioni ottiche dell’altro giorno. Funziona!
    Ogni tanto la razionalità non è male come oppio, nonostante attribuiscano il primato alla religione. O magari è efficace solo quando è la parte irrazionale della mente a dare fastidio, proprio come una religione a caso può servire a mettere a tacere certe logoranti seghe mentali…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.