Delle faccine

Sono bandite da questo blog – commenti a parte – giusto per prendere le distanze dall’uso che ne faccio di solito: un uso smodato.

La mia scelta delle faccine è condizionata da vari fattori. Grado di formalità, intensità delle emozioni da esprimere, stile di faccina usato dall’interlocutore. In qualche raro caso prendo in considerazione il display del destinatario e la resa grafica dello smiley, ma per fortuna il più delle volte non ho abbastanza informazioni per farlo.

:-) è molto formale, come le sue amiche dotate di naso. Diciamo che con il classico non si sbaglia mai: anche i peperoni dovrebbero riconoscerle come faccine. Il dilemma irrisolto è come comportarsi con le parentesi. La bocca sorridente fa da parentesi chiusa o bisogna aggiungerne una ulteriore, con il rischio di ricadere in quelle faccine storpiate da smorfie di estrema euforia o dolore di cui taluni abusano? (Per fare un esempio pratico: così :-) (oppure così? :-))

:), :(, :/ e varianti sono più veloci da scrivere ed hanno un aspetto affabile, ma alcuni dei miei interlocutori potrebbero non interpretarle correttamente. Mi è capitato di corrispondere con atelematici che mi considerano abbastanza folle da aprire parentesi dopo i due punti o credere che :/ faccia parte di un url (http://penisland.net: in effetti, con un url così c’è poco da stare allegri.)

^_^ è tra le preferite… ricordo che agli albori delle mie esperienze internettare non ne coglievo la simbologia. Si presume che al giorno d’oggi quasi tutti i navigatori riescano a vedere una faccia sorridente in quei due circonflessi, ma nonostante tutto uso questo smiley con cautela. Il punto di forza è che può essere facilmente esteso a ^_^’ o ^_^; , facilmente riconoscibili dai mangofili come sorriso con goccioline di sudore, ed ha una sua variante pittoresca in -_- , forse una delle faccine più azzeccate ( :| non è altrettanto incisiva) per rappresentare forte sgomento e delusione.

Se conosco l’encoding dell’interlocutore e sono sicuro che le vocali accentate arrivino intonse talora impiego la coppia è_é e é_è , che fa egregiamente le veci di >:-( e :-( , risparmiando altresì un carattere.

Poi ci sono i forum, croce e delizia di questi ultimi anni. Lì non c’è molto da scegliere in quanto a faccine. Gli stessi “admin” che impongono argomenti e tono al forum impongono (volenti o nolenti) anche le faccine da usare. Ce ne sono di carine, per carità (Una banana che balla...) ma spesso sono o troppo meste o troppo enfatiche – ed è una vera piaga dover usare Faccina MOLTO sorridente quando si vorrebbe semplicemente abbozzare un sorriso…
I forum zelanti invece di usare un markup specifico convertono direttamente le controparti testuali in faccine grafiche, con risultati altalenanti. Capita addirittura di veder storpiare gli url come l’atelematico di cui sopra: httpFaccina confusa/google.com

Il maestro indiscusso dello scempio rimane Microsoft Messenger. La mia opinione potrebbe essere viziata dal fatto che non lo uso, ma lo subisco: non so come si comporti il client ufficiale, ma quando gaim si trova di fronte ad un Power User di Messenger – uno di quegli utenti che collezionano ed usano decine e decine di faccine e faccione – l’output è un flusso continuo di mestizie animate di varie forme e colori. E’ come se Messenger permettesse all’utente di specificare quali sequenze di caratteri vadano sostituite con faccine; qualche genio nella mia lista di contatti ha subito pensato di sostituire tutte le “e” con un bel gif animato da 120×120 pixel. Se qualche buon’anima mi svelasse l’arcano nei commenti avrebbe la mia eterna gratitudine: la colpa è di gaim, di Messenger o dell’utonto?

9 pensieri su “Delle faccine

  1. Mothmor

    Io ho fatto prima, e aggiro la cafonaggine telematica (perché è inutile girarci intorno, di questo si tratta) tagliando a prescindere tutte le faccine. Mi perdo la banana salterina (che è davvero buffa e poco intrusiva) e vengo ricoperta di “attenzione questa versione di Messenger non è aggiornata. Scarica subito l’ultima versione così potrai incafonirti pure tu!” (quando io non uso Messenger ma Adium) ogni volta che qualcuno tira fuori una stranezza, ma almeno non ho frecce giallo-verdi cangianti e glitterose che si portano via mezza finestra del messaggio e che ruotano su sè stesse, ogni riga e mezzo di testo.
    Per me tutt’ora usare X-Chat su IRCNet resta il miglior modo per chattare.

  2. multimick

    Tranquilli, chi di faccette ferisce di faccette perisce.

    Io, specialmente tra i contatti messenger derivati da un mio particolare hobby (condiviso tra l’altro dall’Admin di questo blog, che per rispetto alla privacy chiamerò MXXXC (non l’admin, l’hobby)) ho un certo numero persone che per scrivere ciao hanno 2 sistemi: 1) gif animata con un animale kawaii inutile che agita furiosamente un braccio 2) c [gif animata rappresentante una I fiammeggiante e distorta avvolta in una tempesta di fulmini] [gif animata rappresentante una A lampeggiante che dopo 3 giorni che la guardi muori cieco di epilessia] o

    Ma, come vi dicevo prima, c’è chi si ritrova vittima delle proprie pulsioni animate.
    Vedi l’esempio di una mia amica che da settimane scrive solo in stampatello COSI’ INSOMMA, DALL’INIZIO ALLA FINE DI OGNI FRASE perchè ormai nessuno può capire il suo lessico contaminato dalle faccine, diffuse ormai come una metastasi.

    E, finalmente, una buona notizia. Un’altra mia amica ieri mi ha chiesto come eliminare le faccine in sostituzione delle lettere, perchè non ne poteva più. Qualcosa sta cambiando?

  3. g

    essendo utente di msn live messenger versione original trovo doveroso confermare che all’utente è concesso dire al parser quali sequenze di caratteri devono essere sostituite con una gif. la soluzione sarebbe molto semplice: come faccio io, assegnare delle sequenze di caratteri inutilizzabili nella digitazione di routine e poi selezionarle comodamente dal menù quando si voglia utilizzarne una.
    tra le peggiori segnalo il punto interrogativo versione gothic, alto quanto un grattacielo e fiero del proprio brodo viola fosforescente pulsante.

  4. oracolo Autore articolo

    Ah, allora confermate che è colpa del malefico client!
    Capisco, g: l’utilizzo corretto dovrebbe essere il tuo, resta solo da stabilire quanto msn messenger incentivi l’utilizzo corretto :-)
    Propone delle sequenze di default oppure no? Se le propone, sono sequenze inutilizzabili come quele che usi tu o propone delle sequenze comuni? Le sequenze dipendono da chi ti ha inviato la faccina o meno?
    Sebbene l’utente savio riesca ad utilizzare in modo ineccepibile programmi con default pericolosi, non è del tutta colpa dell’utonto se i default sono pericolosi e lui se li fa incidentalmente esplodere in faccia ^_^

  5. multimick

    la colpa è dell’utonto, quando ottieni una nuova gif da parte di un altro utente (la cosa è facoltativa e volontaria) essa si associa di default alla sequenza del suo precedente possessore, ma c’è una riga di testo apposta per modificarla.
    Ad esempio se mi piace una gif di un gatto e provo a salvarla, metti che il mio amico l’avesse salvata sotto “gatto”. Io per evitare l’uscita involontaria la posso salvare come “!gatto” e il problema è risolto.

    Non incolperei la Microsoft stavolta

  6. Junkie

    Ti sei dimenticato del problema degli errori imperdonabili.

    Di animoticon ne girano di tutti i tipi, osceni e non, politicamente scorretti o politicamente osceni. Adesso, credo che nessuno si scandalizzerà a sapere che esistono gli animoticon antisemiti. E tra questi uno particolarmente popolare tra la mia lista di contatti (*) è quello rispondente al pattern “DUX”, che fà partire una Gif animata di una bandiera Israeliana che evapora in una fiammata, per lasciare il posto ad una croce celtica. “Molto pacato” starete pensando!

    Adesso, un mio amico un bel giorno conosce una bellissima ragazza Israeliana su myspace. Potete immaginare il terrore che aveva di inserirlo inavvertitamente nei messaggi che le mandava su messenger, considerato che tutto sommato ci stava provando!

    (*) se qualcuno arriva e dice che sono un Fascista allora smetto di usare Internet e torno alla posta cartacea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.