Altre 5 idee per accumulare stress

(segue)

  1. Concentrarsi sulla fine. Non importa quanto sia bello il momento che si sta vivendo, presto avrà fine. Ciò è sufficiente a renderlo meno bello; il rimuginare su questa verità aiuta a distrarsi, in modo da non godere a pieno del presente.
    Weekend, stagioni, amicizie, amori, vite: tutti articoli con una data di scadenza prefissata – nel migliore dei casi, alcune date di scadenza coincidono. Ad esempio, i weekend con le stagioni e le stagioni con le amicizie.
    Ogni fine è fine sul serio, non esiste ciclicità. Un weekend bruciato non torna più; figuriamoci un’amicizia.
  2. Monitorare attentamente i propri sentimenti. Si sta provando affetto o dipendenza o abitudine? Il fastidio sfocia nell’indifferenza? Gelosia, invidia o stizza?
    Seguire con attenzione le evoluzioni di ogni moto dell’umore, eventualmente annotandole su un taccuino mentale (nelle pagine del quale spicchino le più nefaste) ed investigare sulle cause. Lo sfavamento non è mai endogeno, probabilmente la responsabilità è di amici/parenti/amanti: inchiodarli, seppur tormentati dal rimorso per la crudeltà del gesto, alle proprie responsabilità.
    Ancora più divertente: cercare di controllare gli stati d’animo. L’affetto è intenso quanto basta o va incrementato con sforzi enormi e vani? Ci si sente abbastanza in colpa per le porcate che si sono fatte o si fanno? Si odia a sufficienza per il torto subito?
    Con la pratica affogare ogni sentimento, soprattutto quelli più piacevoli, in una nuvola di fredde analisi.
  3. Considerarsi uomini di elevata moralità e cercare di comportarsi di conseguenza. Funziona molto, molto meglio se non si è uomini di elevata moralità.
    Più in generale, prefiggersi degli obiettivi ed assicurarsi di non avere abbastanza forza di volontà per portarli a termine. Se possibile coinvolgere amici, parenti ed amanti nell’impresa, in modo da deludere più gente possibile quando il fallimento – puntuale – arriverà.
  4. Rimuginare sugli effetti a lunghissimo termine delle proprie azioni, dalle più insignificanti alle più rilevanti. Assumere che le conseguenze di ogni decisione saranno prima o poi nefaste perché qualcosa (dipendente o meno dalla propria volontà) andrà storto e non ci sarà più niente da fare. E si sarà responsabili per averlo previsto e non aver fatto abbastanza per prevenirlo – anche aiutati dalla forza di volontà inesistente.
  5. Considerare il cambiamento come il peggiore dei mali. Poiché le cose non migliorano mai, lasciate a sé stesse, ogni minima variazione ci avvicina al baratro (ed all’inevitabile fine, vedi punto 1).
    Osservare sé stessi tra dieci, venti, trent’anni ed immaginarsi non solo dotati delle stesse vulnerabilità (acuite) e degli stessi desideri (che non si saranno avverati ed ormai sarà troppo tardi), ma fiaccati dagli strali della sorte avversa, soli e detestati da tutti coloro che, un tempo importanti, saranno stati calpestati per necessità, casualità o semplice goffaggine.

8 pensieri su “Altre 5 idee per accumulare stress

  1. Avio

    Ma noooo dai!

    Ho riletto anche i primi cinque, e mi sono sorpreso di non essere entrato praticamente in nessuno dei branch.

    Sara’ l’estate, sara’ questa nuova abilità di prendere le proprie decisioni sulla base dei moti browniani del caffelatte la mattina, sara’ quel che sara’, ma sono veramente poco stressato al momento.

    Anzi, temo che dovro’ cercarmi un nuovo “post preferito” per rimpiazzare quello appena uscito dalla top 5.

    Vabbe’ intanto vado a rileggermi quello dei cappuccini :D

  2. munchies

    Sei un genio. Il tuo post capita proprio a fagiuolo, tra l’altro. Questo post tra l’altro mi fa pensare che quando smetterai di scrivere post e non ci sarà più internet e ti perderò di vista la mia vita sprofonderà in un baratro. Ovviamente non esistono altri oracoli con saggezza e lungimiranza pari alla tua sulla faccia della terra.

  3. Rina_san

    Ma 5 metodi per combatterlo?
    Mi farebbero veramente comodo in questo periodo…
    Se ci si fa schiacciare poi si sta male….lo so..ah se lo so

  4. oracolo Autore articolo

    Beh beh beh, figliuoli, ma il trucco è quello: leggere i cinque consigli, rendersi conto che ci si comporta così (se lo si fa), rendersi conto che questi comportamenti sono ottimi per generare stress… vorrei dire smettere, ma non è così facile.

    A me dà una sorta di sollievo “smontare” certi comportamenti automatici, vederli dall’esterno. Ti rendi conto che ogni tanto diventi un burattino nelle mani di automatismi che non fanno che danneggiarti, e visto che a nessuno piace essere un burattino… è più facile liberarsi.

    Insomma, non voleva essere un post deprimente. Forse. :-P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.